La Città è una megatropoli estesa su tutta la superficie del pianeta. È formata da un ordinato reticolo di meridiani e paralleli che suddivide le terre emerse in tre tipi di settori: quelli residenziali, quelli produttivi e le Wasteland. È stata pensata dagli uomini, fondata sulla tecnologia e costruita per garantire una vita pacifica alla popolazione.

La Fondazione ha avuto un effetto stabilizzante sull’economia, sulla politica e, in generale, su tutta la società, ma nonostante siano passati più di centocinquant’anni, le persone faticano ancora a considerarsi concittadini. L’antico retaggio delle diverse culture ostacola la nascita di uno spirito cittadino e l’iniziale promessa egualitaria di reddito e prestigio è stata realizzata solo in parte, generando diffidenza e malcontento.

L’equilibro sociale è precario, e viene scosso da un evento epocale e inaspettato: il Contatto.

Difficile spiegare come sia potuto avvenire il Contatto. Alcuni scienziati pensano che sia stato una conseguenza degli esperimenti sui buchi neri, altri teorizzano che la magia dell’altra dimensione abbia svolto un ruolo chiave nella creazione del canale di comunicazione. Quello che sappiamo è che nel quinto mese dell’anno 153 si aprì una finestra dimensionale attraverso cui ricevemmo la richiesta di soccorso degli inumani. Il loro mondo stava collassando, e avevano bisogno di un altro posto dove rifugiarsi.

(Il Contatto e l’integrazione con gli inumani – Il Contatto)

Il Governo cittadino riceve una richiesta d’aiuto proveniente da una dimensione custode della magia e abitata da esseri fantastici. L’opinione pubblica si schiera contro un coinvolgimento della Città nel destino dell’altro mondo, ma le conseguenze di un non intervento sarebbero troppo tragiche. Gli esseri fantastici vengono quindi ospitati in speciali riserve create dal Governo, mentre gli scienziati umani collaborano con i maghi più potenti nella speranza di fermare il cataclisma.

Quando ogni tentativo fallisce, la Città è costretta ad aprire le riserve e accettare l’integrazione. Gli umani sono terrorizzati all’idea, si scatenano sommosse. Solo la promulgazione delle leggi razziali riesce a riportare la calma.

Un inumano è colui che proviene dalla dimensione del Contatto, oppure chi è nato da genitori inumani, o da un genitore inumano e da uno umano, oppure chi, pur avendo genitori umani, sia un utente di magia. La condizione di non umanità, o inumanità, non dà diritto al voto, ed è considerata un’aggravante in tutte le condanne penali e civili.
Gli inumani hanno il divieto di:
– sposarsi con umani;
– avere dipendenti umani;
– porsi in concorrenza con attività commerciali umane.

(Il Contatto e l’integrazione con gli inumani: Le leggi razziali) 

Ma la calma è solo apparente e nasconde tensioni e conflitti pronti a scoppiare.

 

libro città città